Le Terme di Vulci, autentico benessere fra Lazio e Toscana

Le Terme di Vulci, a pochi minuti dal nostro casale, rappresentano una vera oasi di benessere incastonata tra l’Alta Tuscia Viterbese e la Maremma.

Del resto sin dall’antichità questa zona era frequentata per via delle proprietà terapeutiche delle sue acque.

Dopo la pausa forzata dell’emergenza Covid 19, le Terme di Vulci sono tornate a essere pienamente operative. Naturalmente nel segno della sicurezza, con una serie di misure per prevenire contagi.

Le Terme di Vulci – a un’ora d’auto da Roma – le trovi nel territorio comunale di Canino, a una manciata di chilometri da Cellere.

Offrono a tutti l’opportunità di vivere momenti di autentico benessere per il corpo e per la mente. Le sue calde acque naturali sono un autentico toccasana.

Le proprietà terapeutiche delle acque termali

Nelle quattro grandi piscine termali la temperatura oscilla tra i 42 e i 30 gradi.

Nella prima piscina, in particolare, gli ospiti possono immergersi in acque naturali ipertermali dalle caratteristiche davvero particolari.

Qui c’è l’acqua con la temperatura più alta, quella che arriva direttamente dalla sorgente. Man mano che si passa alle altre piscine la temperatura tende a scendere.

L’acqua è gassata e ricca di Sali minerali, tendenti al “ferroso”. Le altre variano nel colore e nella temperatura. Ma le proprietà terapeutiche sono pressoché identiche.

Chi frequenta le Terme di Vulci sa bene che con acqua e fanghi può trattare diverse patologie.

Le acque termali sono indicate per il trattamento delle malattie artroreumatiche. Ma anche per le malattie della pelle e le flebopatie.

Le Terme di Vulci: massimo relax nel verde della Tuscia

Tutto questo avviene in uno scenario unico. Le Terme di Vulci, come detto, sono incastonate nelle verdi campagne della Tuscia.

Una natura incontaminata, impreziosita dalla presenza di secolari piante di ulivo che garantiscono la produzione di olio extravergine di oliva di eccellente qualità.

Al di là delle proprietà curative, rilassarsi in piscina regala momenti di grande relax. Grazie anche alla presenza dell’idromassaggio.

E tra un’immersione e l’altra c’è sempre la possibilità di prendere il sole in giardino. Oppure di fare una sosta al bar.

Le piscine delle Terme di Vulci sono aperte al pubblico tutti i giorni, dalle 10:00 alle 19:00.

Gli ospiti possono usufruire anche del servizio bar.

Dalla domenica al giovedì è aperto dalle 10:00 alle 20:00. Mentre venerdì e sabato chiude alle 21:00.

Benessere e sicurezza: le misure anti covid

In questa fase, come accennato, sono state adottate diverse misure per garantire la massima sicurezza agli ospiti. I percorsi di entrata e uscita sono separati.

Intanto è gradita la prenotazione, in modo da tenere sotto controllo l’afflusso delle persone ed evitare assembramenti.

Poi, al di là della cartellonistica con le informazioni utili, agli ospiti viene misurata la temperatura corporea.

Se è uguale o superiore a 37,5 gradi l’accesso non è consentito.

In ogni area delle Terme di Vulci ci sono i dispenser con gel igienizzante.

La mascherina è obbligatoria al momento dell’accesso, negli spazi comuni e in quelli al chiuso.

Gli accappatoi e gli asciugamani sono igienizzati, sanificati e sigillati in appositi contenitori.

Distanziamento e accessi controllati

Tra i vari ombrelloni è garantita un’adeguata distanza, così come tra i lettini e le sedie del solarium.

La disinfezione è costante. Viene fatta a ogni cambio di persona e anche a fine giornata.

L’accesso alle vasche è contingentato. Garantita anche la depurazione e la disinfezione delle acque.

Anche gli spazi comuni sono puliti e disinfettati più volte al giorno e quando necessario.

Non resta dunque che godersi qualche ora di relax nelle piscine termali. Scelta ideale per il proprio benessere.

Natura e storia al Parco archeologico di Vulci

A proposito: da queste parti – a dieci minuti d’auto dalle terme – potete approfittarne anche per fare una sosta al Parco archeologico di Vulci.

L’area degli scavi, il Museo della Badia e i percorsi natura rendono sicuramente più interessante un soggiorno alla scoperta della Tuscia.

(Foto: pagina Facebook Terme di Vulci)