Il Parco di Vulci ed il Museo Nazionale Archeologico

Il Parco di Vulci

A breve distanza dal Casale Bonaparte potrete scoprire il Parco naturalistico archeologico di Vulci. Collocato fra i comuni di Montalto di Castro e Canino, nel cuore della Maremma Laziale, il Parco di Vulci  ha una estensione di circa 900 ettari, dove vi troverete coinvolti in un mix  di natura incontaminata, canyon scavati nelle rocce di origine vulcanica, macchia mediterranea, valli e praterie e gli importanti resti dell’antica città etrusco-romana di Vulci, le cui origini risalgono al  IV secolo a.C.

Pensato e costruito alla fine degli anni 90, il Parco di Vulci offre ai suoi visitatori spunti di interesse sia archeologico che naturalistico. I resti dell’antica città-stato sono imponenti. Potrete infatti osservare le rovine dell’impianto termale e dell’abitato, le cinta muraria ed i particolari delle Porte Urbane, l’Area del foro con il Tempio Grande.

Immancabili da visitare le numerose necropoli etrusche disseminate fra le due sponde del Fiume Fiora. Presso la Necropoli Settentrionale troverete l’imponente Tomba della Sfinge con il suo impressionante dromos lungo 27 metri e quella delle mani d’Argento accessibili anche da persone con mobilità ridotta. La visita prosegue nella Necropoli Orientale con la Tomba di François famosa per le sue articolate pitture, quelle originali sono ancora oggi conservate presso la famiglia Torlonia,  la Tomba delle Iscrizioni e il grandioso Tumulo della Cuccumella.

Per assicurarsi la visita di alcune di queste meraviglie, è necessario prenotare una visita guidata tramite gli uffici del Parco.

Il Museo Nazionale Archeologico e le Attività da svolgere nel Parco

A pochi chilometri dalla biglietteria del Parco di Vulci, all’interno del Castello della Badia, sarà possibile osservare molti dei reperti recuperati dalle varie campagne di scavo svoltesi nel tempo ed oggi esposti con cura nel Museo Nazionale Archeologico. Adiacente al museo, non mancate di passeggiare sul ponte di impianto etrusco detto del Diavolo o dell’Arcobaleno, che si erge sul fiume Fiora a ben 30 m d’altezza.

All’interno del Parco di Vulci, troverete percorsi dal chilometraggio e difficoltà variabile adatti a tutta la famiglia che possono essere esplorati sia in completa autonomia seguendo i percorsi segnalati, o con all’aiuto di esperte guide ambientali e archeologiche.

Durante i mesi di apertura sia dal Parco di Vulci  stesso che le associazioni del territorio organizzano visite ed eventi fra cui passeggiate in e-bike, percorsi a piedi o a cavallo ed attività presso il suggestivo laghetto del Pellicone del fiume Fiora.

A disposizione dei visitatori del Parco di Vulci anche due punti ristoro, il Casale dell’Osteria ed il Casaletto Mengarelli dove sarà possibile gustare le prelibatezze gastronomiche della cucina tradizionale della Maremma Laziale.

Scopri le offerte del Casale Bonaparte